Attorno al Lagazuoi

Le uscite continuano. Oggi si torna fra le splendide Dolomiti Ampezzane assieme a Tullia, Jo e Tony. Inizialmente l’idea è quella di fare la cengia Veronesi, ma poi ci ritroveremo a vagare attorno al Lagazuoi Gran e alle Zimes de Fanes. Comunque la giornata comincia da Passo Falzarego alle 9 di mattina. Messi gil scarponi, dopo aver tagliato fuori traccia, ci ritroviamo a salire la pista da sci e poi il sentiero CAI 402 fino a forcella Travenanzes, mentre già qui le pareti che ci stanno attorno appaiono maestose.

Colazione al bar Area 51 di Cortina, in mezzo alle splendide foto in notturna delle Dolomiti

Colazione al bar Area 51 di Cortina, in mezzo alle splendide foto in notturna delle Dolomiti

Sentiero CAI 402

Sentiero CAI 402

Lagazuoi

Lagazuoi

Il sentiero dalla forcella è perfetto, siamo in val Travenanzes, il segnavia è il 20B anche se sulla mappa è segnato 1020, e con dei sali scendi passiamo forcella Gasser Depot per arrivare a forcella Granda. Le Tofane da qui hanno un aspetto insolito pur restando stupende.

Forcella Travenanzes. Vista sulle Tofane

Forcella Travenanzes. Vista sulle Tofane

Sentiero CAI 1020 (20B), val Travenanzes e Lagazuoi Gran

Sentiero CAI 1020 (20B), val Travenanzes e Lagazuoi Gran

Lagazuoi Gran

Lagazuoi Gran

Tofana di Dentro, di Mezzo e di Rozes

Tofana di Dentro, di Mezzo e di Rozes

Da forcella Granda lasciamo stare le indicazioni per la ferrata Tomaselli e deviamo sulla nostra destra alla ricerca di una cengia. La troviamo grazie a uno spezzone di cavo che aiuta per un breve tratto. La zona è veramente poco frequentata, segni di passaggio non ce ne sono. Il pietrisco non aiuta per nulla, si scivola tantissimo, massima attenzione e prudenza mentre un passaggio dobbiamo affrontarlo quasi a “quattro zampe”. Si impreca ma a me queste cose piacciono tantissimo.

Postazioni militari nel Ciadin del Lagazuoi

Postazioni militari nel Ciadin del Lagazuoi

Inizio delle Cenge

Inizio delle Cenge

Passaggi difficili ed esposti su terreno friabile

Passaggi difficili ed esposti su terreno friabile

Saliamo la cengia, ci manteniamo in parete e sbuchiamo di fronte alla Tomaselli. La discendiamo per un breve tratto e poi ancora su una cengia che avevamo adocchiato poco prima. Siamo nella direzione giusta.

Si sale in cengia

Si sale in cengia

Anche qui cengia esposta, ma decisamente più semplice di prima. Qualche tratto attrezzato qua e là ma che spesso risulta quasi inutile. Arriviamo a una galleria di guerra. Leggendo una recensione la dobbiamo oltrepassare. Indossiamo le frontali e andiamo. Sbuchiamo esattamente dall’altra parte della montagna. Siamo nel Ciadin de Fanes.

Subito dopo il tratto della via ferrata Tomaselli, ancora cenge

Subito dopo il tratto della via ferrata Tomaselli, ancora cenge

Vista sul Riz Dles Conturines

Vista sul Riz Dles Conturines

Tabella dell'Alta Via di Fanis

Tabella dell’Alta Via di Fanis

Galleria di guerra che attraversiamo

Galleria di guerra che attraversiamo

Altro tratto attrezzato su cengia e poi lungo un traverso che ci fa scendere sul ghiacciaio. I ramponi non servono. Lo attraversiamo e risaliamo con molta fatica fra gli sfasciumi fino a forcella dei Quaire, dove finisce la Tomaselli. Qualche cosa non quadra… controlliamo la mappa. Abbiamo sbagliato.

Tratto attrezzato

Tratto attrezzato

Il ghiacciaio nel Ciadin de Fanes

Il ghiacciaio nel Ciadin de Fanes

E’ l’una e mezza. Siamo un po’ stanchi. Ci fermiamo un bel po’. Ormai è tardi per ritornare indietro per riprendere la galleria. Decidiamo che il resto del giro lo completeremo un’altra volta, ora consapevoli di dove bisogna andare. Torniamo a forcella Granda e dopo una breve deviazione all’ex bivacco della Chiesa riprendiamo la via del ritorno fino a forcella Travenanzes.

Verso forcella Granda

Verso forcella Granda

Forcella Granda

Forcella Granda

Ex bivacco della Chiesa

Ex bivacco della Chiesa

Galleria della Grande Guerra

Galleria della Grande Guerra

Dalla forcella ora risaliamo verso il Lagazuoi. Nell’ultimo tratto di salita non mi aspettavo di trovare tante postazioni di guerra. Ne visitiamo alcune, altre le osserviamo solo da fuori. Un museo a cielo aperto. Sapevo che qui c’era il fronte della Grande Guerra, ma mai avrei immaginato di trovare ancora tanti resti.

Le Tofane dominano sempre

Le Tofane dominano sempre

Salendo verso il Lagazuoi

Salendo verso il Lagazuoi

Postazione degli ufficiali austriaci

Postazione degli ufficiali austriaci

Postazione di fuoco

Postazione di fuoco

Postazione militare

Postazione militare

Sul Lagazuoi

Sul Lagazuoi

Arrivati al rifugio gli altri si fermano, io invece continuo fino alla cima. Non ci sono mai stato e siccome c’è l’idea di tornare in funivia non mi voglio far mancare questa vetta. Continuo il sentiero che diventa una strada in terra battuta e in pochi minuti sono alla croce con il Cristo. Sono solo. Il panorama è unico, ma il grosso proiettile sotto la croce mi rimanda sempre indietro di cento anni.

Zimes de Fanes

Zimes de Fanes

Lagazoi Pizo, 2810 metri slm circa

Lagazoi Pizo, 2810 metri slm circa

Tornando verso il rifugio Lagazuoi

Tornando verso il rifugio Lagazuoi

Torno dagli altri, mangio una fetta di un’ottima crostata di more accompagnata dall’immancabile birra. Poi si decide di riprendere l’escursione. Non scendiamo con la funivia ma decidiamo di prendere il sentiero dei Kaiserjager, ovvero il vecchio sentiero che i tiratori scelti dell’Impero AustroUngarico salivano al Lagazuoi durante la Prima Guerra Mondiale. Ripassiamo vicino la cima ora piena di gente, poi sulla sinistra un cartello indica l’inizio del percorso.

Lagazuoi Pizo pieno di gente

Lagazuoi Pizo pieno di gente

Indicazione per il Kaiserjager

Indicazione per il Kaiserjager

Prima su una cengia, poi su una traccia un po’ dissestata, con alcuni tratti attrezzati ma che non usiamo, scendiamo velocemente. Arrivati nella zona dove erano stati scavati nella roccia le postazioni del comando delle truppe austriache, assieme a Jo entro dentro una di queste gallerie. All’inizio un dormitorio ricostruito e poi cunicoli completamente bui per circa 70 metri con alcune postazioni che si affacciano sul passo Falzarego ci fanno capire meglio questi luoghi. Molto interessante.

Sentiero dei Kaiserjager

Sentiero dei Kaiserjager

Resti della Grande Guerra lungo il sentiero di discesa

Resti della Grande Guerra lungo il sentiero di discesa

Ricostruzione dei dormitoi all'interno di una galleria di guerra

Ricostruzione dei dormitoi all’interno di una galleria di guerra

Esplorando con Jo

Esplorando con Jo

Ripreso il passo, altra piccola cengia esposta e poi un ponte sospeso lungo 15 metri, posto proprio dove sorgeva il vecchio ponte usato durante la guerra. Quello nuovo è estremamente stabile. Poi ancora giù, sempre passando vicino a gallerie e man mano che si scende vicino alle trincee anch’esse risistemate. Di colpo eccoci di nuovo sulla pista da sci sotto la funivia e in pochissimo all’auto.

Il ponte lungo il Kaiserjager. Notare la cengia espostissima prima del ponte!

Il ponte lungo il Kaiserjager. Notare la cengia espostissima prima del ponte!

Fin troppo solido

Fin troppo solido

Ponte

Ponte

Un bel salto

Un bel salto

Stelle Alpine

Stelle Alpine

Sentiero dei Kaiserjager

Sentiero dei Kaiserjager

Il ponte visto da sotto

Il ponte visto da sotto

Resti di trincee

Resti di trincee

Marmotta

Marmotta

Passo Falzarego

Passo Falzarego

Trekking strepitoso. Anche se non abbiamo fatto la cengia Veronesi, un’uscita spettacolare, panoramica ed estremamente interessante, oltre che lunga e con un discreto dislivello totale (1100/1200 metri circa). Bello veramente. Ma la cengia resta nelle cose da fare…

Annunci

Una risposta a “Attorno al Lagazuoi

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...