Cimon dei Furlani (invernale)

Sabato 16 novembre, giornata eccezionale, nemmeno una nuvola in cielo. In montagna la neve è arrivata fino ai mille metri di quota. Un po’ indecisi sul da farsi, Evelyn e io saliamo comunque fino in Piancavallo per poi vedere che giro fare. Intanto lasciamo l’auto alla casera Capovilla e da qui cominciamo a risalire il sentiero CAI 924.

Alba a casera Capovilla

Alba a casera Capovilla

Usciti dal bosco e risaliti 200 metri di dislivello, la neve comincia a essere un po’ più alta. Il sentiero è completamente sparito e bisogna cominciare a battere la traccia. Seguiamo a memoria dove dovrebbe passare il sentiero o facendo il tragitto più logico mentre il sole comincia a salire dalla pianura. In un’ora siamo al bivio del sentiero Gerometta.

Il sole cresce

Il sole cresce

Val Sughet con il Cimon del Cavallo e il Cimon dei Furlani

Val Sughet con il Cimon del Cavallo e il Cimon dei Furlani

Parliamo un attimo sul da farsi. La neve è abbastanza buona anche se la temperatura sale, ne sarà caduta una ventina di centimetri abbondante. La decisione ricade sul Cimon dei Furlani. Quasi non ci fermiamo e deviamo a destra cercando di ripercorrere l’Alta Via dei Rondoi. Aggiriamo il monte fino al suo lato Sud-Est e da qui, raggiungendo la cresta, cominciamo a prendere quota.

Cimon dei Furlani

Cimon dei Furlani

Si potrebbe salire anche senza ramponi, ma per sicurezza li indossiamo. Batter traccia è fatica ed Evelyn ha poca esperienza di neve e quindi il passo è lento ma costante. Passata la metà della salita ci fermiamo un attimo per parlare delle difficoltà della neve e nel mentre ci raggiunge un ragazzo che ha avuto la nostra stessa idea. Salutiamo, scambiamo due battute, ringrazia per la traccia trovata e si mette davanti a noi proseguendo con un’ottima andatura. Lo lasciamo andare tranquillo.

Salendo sull'Alta Via del Rondoi

Salendo sull’Alta Via del Rondoi

Ora siamo noi a seguire le sue tracce. Ogni tanto le evitiamo per passare in punti con un po’ meno neve, ma la via è sostanzialmente quella. Sull’anticima ci fermiamo a riposare e a mangiare visto che s’è alzato notevolmente il vento e so per certo che su sarà peggio. Appena ci muoviamo mi prendono i crampi. Stare fermo mi ha raffreddato i muscoli e ora sono costretto a fermarmi per fare un po’ di stetching veloce, ma so che non devo fare una lunga pausa perché sarebbe peggio. Intanto il ragazzo sta tornando giù, mentre a noi mancano ancora pochi metri per essere sulla vetta.

Pausa con vista su cima Manera

Pausa con vista su cima Manera

Ultimo tratto prima della vetta

Ultimo tratto prima della vetta

Dopo circa tre ore di salita, eccoci finalmente sul Cimon dei Furlani, a quota 2183 metri slm. Panorama a 360 gradi, che spazia dalla Val Sughet e le cime principali del gruppo del Cavallo fino alla pianura, passando per le distanti Dolomiti e il più vicino Resettum. Con una giornata così tersa la vista è sublime.

Cimon dei Furlani

Cimon dei Furlani

Monte Palantina

Monte Palantina

Cimon dei Furlani, 2183 metri slm

Cimon dei Furlani, 2183 metri slm

La Caulana

La Caulana

Ci fermiamo giusto il tempo delle foto, il vento è forte, e scendiamo quasi subito. Da qui la discesa è veloce e tranquilla, anche se la temperatura s’è alzata veramente molto e la neve, non avendo un fondo, comincia a non rimanere attaccata al pendio erboso e tende a scivolare via a ogni passo. Infatti faccio anche un volo di un paio di metri però senza alcuna conseguenza. Ma ormai il più è fatto e il tempo scorre senza accorgersene mentre torniamo alla macchina seguendo la via tracciata in precedenza che vicino alla località turistica ormai è quasi sgombra da neve.

Rientrando verso Piancavallo

Rientrando verso Piancavallo

Lungo la cresta, cima Tremol e Colombera

Lungo la cresta, cima Tremol e Colombera

Rieccoci alla targa ricorda di Gerometta

Rieccoci alla targa ricorda di Gerometta

Stanchezza

Stanchezza

Spettacolare e faticosa uscita. La prima invernale per Evelyn che ha sconfitto le sue paure di riuscita. Ora attendiamo altra neve per affrontare qualche altra vetta qui in zona.

Advertisements

Una risposta a “Cimon dei Furlani (invernale)

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...