Monte Guslon, salita con le ciaspole e discesa con gli sci

Giorno del mio compleanno, voglio farmi un regalo. Dopo tanti anni un’uscita con gli sci ma non sulle piste. Prendo al volo l’occasione visto che Nicola mi propone di salire il Guslon e la mattina alle 6 siamo in macchina verso Col Indes. Raggiunta la malga Pian Grande (1200 metri slm circa), cominciamo l’escursione lungo la strada che ci porta fino alla Vallazza, lui con le pelli e io con le ciaspole, ma questa volta ho anche sci e scarponi nello zaino.

Malga Pian Grande

Malga Pian Grande

Lasciamo la strada per l’immensa traccia che sale la valle fra il Guslon e cima Vacche. Il pendio è strasciato. Ci viene in mente che c’è stata la TransCavallo il week end precedente. Ma siamo qui e proseguiamo. Dall’interno della valle saliamo sulla dorsale Sud-Ovest e da qui l’ascesa è continuamente sulla neve macinata degli scialpinisti. Si fatica e non poco. Cerchiamo di tenerci più a sinistra possibile, dove la neve è meno pestata.

Comincia la salita

Comincia la salita

Prima parte di salita del pendio del Guslon

Prima parte di salita del pendio del Guslon

Neve e nuvole

Neve e nuvole

Neve e nuvole

Neve e nuvole

La dorsale di cima Vacche

La dorsale di cima Vacche

Un paio di brevi soste, il fiato è corto. Ma più saliamo e più vediamo la cima lì vicino. Ad un certo punto una traccia di salita! Ringrazio d’averla trovata. Ora possiamo salire più facilmente, velocemente e con meno fatica. Infatti in breve ci ritroviamo sulla cima a quota 2195 metri slm.

Quasi in cima

Quasi in cima

I Muri, Sestier, Antander, Col Nudo

I Muri, Sestier, Antander, Col Nudo

Quasi arrivati

Quasi arrivati

Vista verso Est dalla cima

Vista verso Est dalla cima

In vetta al Guslon, 2195 metri slm

In vetta al Guslon, 2195 metri slm

Dopo essermi cambiato gli scarponi e aver attaccato gli sci, siamo pronti a scendere. Ci riportiamo dove eravamo saliti cercando un po’ di neve fresca. Nel canale dove si scende solitamente è tutta (realmente tutta!!!) sciata. Dopo 7 anni durante le prime due curve che faccio mi sembro un bradipo con dei gravi problemi di deambulazione mentre Nicola scende senza batter ciglio. Poi riprendo un po’ di confidenza e finalmente mi diverto tirando un po’ di belle curve. Anche se per trovarla dobbiamo sempre guardarci attorno per evitare i segni degli altri. A me poco importa, dopo tanto tempo finalmente una sciata “libera”, una discesa senza restrizioni! Figata totale!!!

Si scende!

Si scende!

Alla fine, invece di scendere in una delle due vallette che si aprono a destra e a sinistra, passiamo per gli alberi. Torno un po’ bradipo anche perché le gambe cominciano a fare quello che vogliono. Ma non mi importa, sopra mi sono divertito un mondo (anche se non mi son fatto mancare un paio di cadute). Infine ritroviamo la via fatta precedentemente in salita e in breve siamo alla macchina.

Stupenda uscita. Sarò ripetitivo, ma mi sono divertito un mondo dopo anni che non scendevo fuori pista! Mi son fatto un regalo magnifico. E un grazie infinite a Nicola che mi ha accompagnato in questa meravigliosa giornata.

Annunci

Una risposta a “Monte Guslon, salita con le ciaspole e discesa con gli sci

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...