Via 46° Parallelo – Placche Zebrate

Rieccomi a Dro la mattina del 7 gennaio per fare una via sulle Placche Zebrate. In questo periodo dove bisognerebbe sciare o fare invernali, dopo mesi di pioggia, la neve sembra un miraggio mentre le giornate senza una nuvola continuano a susseguirsi. Sono con Michele alla sua vera prima via di roccia. Un po’ di uscite fra pratica e teoria le ha fatte in falesia, ma sempre su monotiri. Oggi però anche lui deve mettere in pratica quel poco che ha appreso, i fondamentali, per formare una cordata e attaccare qualcosa.

Presso il parcheggio, le Placche Zebrate

Presso il parcheggio, le Placche Zebrate

La via 46° Parallelo la scelgo per due motivi: la facilità e per averla già fatta qualche mese prima. So che non presenta particolari passaggi e che la chiodatura è ottima. Alle 10 siamo quindi imbragati, legati e pronti per salire.

Michele sale la seconda lunghezza

Michele sale la seconda lunghezza

I tiri sarebbero 6, ma in realtà ne facciamo 4 concatenando il terzo con il quarto tiro e il quinto con il sesto (grande attrito di corda gli ultimi metri). Come sempre peno un pochino alla prima lunghezza, più che per la difficoltà perché la roccia è unta, i piedi sono gelidi e insensibili e mentalmente mi devo sbloccare. Ma va tutto bene, arrampicando poi decentemente e velocemente.

Il quinto tiro

Il quinto tiro

Sosta

Sosta

Per Michele, alla fine, divertimento puro e tanta soddisfazione anche se da secondo. La prima via non si scorda mai! Bravo Miki!!!

Autoscatto alla fine della via

Autoscatto alla fine della via

La valle del Sarca

La valle del Sarca

RELAZIONE

Ripetitori: Andrea Favret e Michele Del Fiol

Data: 07 gennaio 2015

Zona: Dro (TN), monte Brenta

Parete: Est

Sviluppo: 200 metri

Dislivello: 170 metri

Per arrivare all’attacco bisogna parcheggiare lungo la statale 45Bis che collega Arco a Trento. In direzione Nord si trova poco dopo il bar Placche Zebrate sul lato opposto della strada. Da qui, per sentiero, si raggiunge la parete e si risale per ghiaie e sfasciumi fino alla scritta rossa che indica l’inizio della via che sale per rocce articolate fra due placche lisce.

Primo tiro. Salire per il canale fra le due lisce placche fino alla sosta. La roccia è ben articolata ma molto usurata dai passaggi e quindi con grip pessimo (III). Se ci si tiene un metro a destra di dove sale realmente la via la roccia risulta migliore (in questo caso III+). 30 metri

Secondo tiro. Ancora dritti per roccia articolata lasciando perdere i chiodi che si vedono sulla placca di sinistra e che seguono la via Trento (III). 30 metri

Terzo tiro.  Salire fino al tetto (III+) e superarlo sulla destra (IV-). Da lì salire ancora cinque metri per poi tenersi sulla sinistra su roccia ottima (III). Sosta su due chiodi dove passa anche la via Trento. 30 metri

Quarto tiro. Spostarsi a destra per tre metri circa (II+) e procedere poi verticalmente lasciando un canale alla propria destra fino alla sosta con tre chiodi (III). 30 metri

Quinto tiro. Salire una brevissima paretina (II+) ed entrare nel canale soprastante. Salirlo al suo interno, stando alla sua sinistra (se ci si tiene centrali alla fine della verticalità c’è un bel passaggio di IV, se no stando quasi sulla parte esterna le difficoltà rimangono sul III+ con passaggio di IV-). Poco dopo l’uscita si incontra la sosta. 30 metri

Sesto tiro. Poco sopra ci si trova di fronte a una placca che forma quasi uno spigolo. Risalirla fino a incontrare una sosta (III+). Tralasciare la sosta e salire ancora leggermente verso sinistra, si può notare anche un ulteriore chiodo, su sfasciumi facendo attenzione a non smuovere sassi (II). Sostare su un albero o sugli spit a cui è legato il contenitore del libro di via. 50 metri

Per la discesa prendere la traccia che scende verso sinistra e poi per sentiero si perviene alla base della parete. Da lì rifare il percorso d’avvicinamento al contrario fino all’auto.

Note. Via facile ma molto unta soprattutto nel primo tiro. Per salirla, oltre al materiale per attrezzare le soste, bastano una decina di rinvii.

Pubblicità

5 risposte a “Via 46° Parallelo – Placche Zebrate

  1. Pingback: Via Gino Gianna – Placche Zebrate | RITORNO ALLE ORIGINI·

  2. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

  3. Pingback: Via 46° parallelo – Placche Zebrate | RITORNO ALLE ORIGINI·

  4. Pingback: Via Trento (Placche Zebrate) | RITORNO ALLE ORIGINI·

  5. Pingback: Via Trento (Placche Zebrate) | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...