Spigolo SE Piramide Col dei Bos – Spigolo Alpini

Due anni fa salivo per la prima volta la Col dei Bos per la sua ferrata. Mai avrei pensato per me un’altra via di salita escludendo i sentieri. Invece eccomi qui, benché considerata una via facile, a raccontare d’essere asceso per lo spigolo Sud-Est.

Verso l'attacco

Verso l’attacco

Attacco della via

Attacco della via

Passaggio del terzo tiro

Passaggio del terzo tiro

Una giornata strepitosa questo lunedì 13 luglio passato in parete con Michele, l’amico di sempre. Una bella via lunghetta, su buona roccia anche se a tratti un po’ sporca, ma decisamente divertente; ed infatti il divertimento è stato totale! In più il meteo è stato clemente e siamo riusciti ad arrampicare all’ombra delle nuvole e senza prendere una goccia d’acqua.

Panorama fantastico verso il Nuvolau. Sullo sfondo il profilo dell'Antelao

Panorama fantastico verso il Nuvolau

Quarto tiro

Quarto tiro

Quinto tiro

Quinto tiro

Stelle Alpine

Stelle Alpine

I tiri a comando alternato 2/2 si sono susseguiti senza problemi, tranne un momento in cui le nuvole minacciavano l’arrivo della pioggia e quindi abbiamo cominciato a salire più velocemente un paio di lunghezze, riuscendo a godere a pieno sia l’arrampicata che i panorami attorno a noi. In più andando durante la settimana non abbiamo trovato gente, o meglio c’erano due cordate che sono partite subito dopo di noi ma che sono rimaste ben distanti. Insomma, salita perfetta.
Alla fine il festeggiamento con super piatto montano e birrozza da mezzo da Strobel è stato d’obbligo!

Momento di puro godimento prima degli ultimi due tiri

Momento di puro godimento prima degli ultimi due tiri

Ottavo tiro

Ottavo tiro

In cima alla Piramide della Col dei Bos

In cima alla Piramide della Col dei Bos

RELAZIONE

Ripetitori: Andrea Favret e Michele del Fiol

Data: 13 luglio 2015

Zona: Dolomiti orientali

Gruppo: Fanis

Cima: Piramide del Col dei Bos

Parete: Sud,  spigolo Sud-Est

Sviluppo: 345 metri

Dislivello: 300 metri circa

L’attacco si trova, provenendo dal ristoro Strobel e oltrepassando il vecchio villaggio militare, un centinaio di mentri a destra oltre la ferrata degli Alpini. E’ visibile grazie a un triangolo rosso sbiadito e un chiodo cementato che ha visto giorni migliori.

Primo tiro. Poco a destra di una facile rampa, una larga fessura invita la salita su ottima roccia e la si risale fino alla sosta su anello cementato trovando lungo la lunghezza due chiodi segnati di rosso (III, un chiodo di dubbia tenuta). 30 metri

Secondo tiro. Si risale la verticale paretina che si ha di fronte (IV) ben protetta con un chiodo, poi si continua sempre con l’andamento del primo tiro tendendo a stare sulla destra, quasi sullo spigolo vero e proprio, fino a trovare due chiodi di sosta (II con qualche movimento di III). 45 metri

Terzo tiro. Risalire per una decina di metri (II) poi deviare a sinistra e salire la parete verticale che sale sopra la sosta (IV). Non continuare a destra (anche se possibile con passaggi di III+ su roccia non buona) ma sormontare lo spigolo e tenersi alla sua sinistra (III); proseguendo poi s’incontra una cengetta che porta alla sosta sotto la parete appoggiata (elementare, gran attrito). 50 metri

Quarto tiro. Salire la parete nel mezzo, ove si possono trovare le debolezze della placca lungo una grande fessura (III). 40 metri

Quinto tiro. Puntare allo spigolo soprastante (III-) e raggiunto arrampicare sopra di esso con notevole esposizione fin sotto alla paretina verticale (III+). 25 metri

Sesto tiro. Salire la paretina verticale, anche qui c’è un chiodo utilissimo per essere ben protetti e forse risulta il passaggio chiave della via, (IV non banale) per poi proseguire lungo una stondata cresta erbosa che porta alla sosta (I e poi elementare). 50 metri

Settimo tiro. Attaccare le rocce lavorate che si hanno di fronte (II+) e che depositano su un terrazzo erboso. Qui consigliato usare l’anello che si incontra dove ci si abbassa lungo la cengia per assicurare il secondo e poi portarsi in conserva fino alla sosta successiva che è posta una decina di metri a sinistra oltre lo spigolo che qui sale verticalmente (I su detriti). 25 metri + 10 metri in conserva

Ottavo tiro. Si arrampica all’interno del diedrino puntando a una fessura (III+) senza considerare la striscia di vernice rossa sbiadita a sinistra che indica una possibile via d’uscita verso la ferrata. Risaliti sul terrazzino con chiodo, proseguire ancora verso sinistra (III) per poi salire lungo una fessura/diedro segnata in rosso sulla destra (IV-) e giungere in breve alla sosta (II). 40 metri

Nono tiro. Una paretina impegna con un ultimo passaggio (IV-) e poi si risale fino a un terrazzo per facili roccette (II). A sinistra, proseguendo lungo le tracce si perviene la ferrata. 30 metri

Ottavo e nono tiro, possibile variante: Salire all’interno del diedrino puntando una fessura (III+) senza considerare la striscia di vernice rossa sbiadita a sinistra che indica una possibile via d’uscita verso la ferrata. Risaliti sul terrazzino con chiodo, proseguire ancora obliquando verso sinistra con divertente arrampicata (III) e invece di seguire il segno rosso a destra sostare sul secondo chiodo. Da qui salire prima leggermente a sinistra e poi più o meno dritti per facili canalini su roccia sporca (II+) fino a incontrare una roccia nero/gialla con chiodo. Risalirla direttamente (IV-, ma con possibilità di aggirarla con difficoltà simili al resto del tiro) fino al terrazzino dove si perviene la ferrata (sosta su spuntoni). 15 metri + 55 metri

Per la discesa noi abbiamo optato per un percorso alternativo a quelli proposti nelle varie relazioni che si trovano in internet o sui libri. Dalla cima della Piramide abbiamo continuato lungo la ferrata che ci ha depositati su una selletta dove termina momentaneamente il cavo in acciaio. Poi siamo risaliti fino all’ultima parte delle attrezzature; qui dopo pochi metri le abbiamo abbandonate per salire circa a tre metri a destra di queste per ottima roccia e con arrampicata divertente e continua sul II grado.
Usciti in prossimità della fine della ferrata ci siamo portati fino alla panoramica vetta del Col dei Bos (2559 metri slm, splendido panorama) per poi rientrare lungo il sentiero a Ovest che con ripida discesa porta al vecchio villaggio militare.

Ultima parete da fare, quella dove passa la ferrata

Ultima parete da fare, quella dove passa la ferrata

Salendo su roccia magnifica pochi metri a destra della ferrata

Salendo su roccia magnifica pochi metri a destra della ferrata

Dalla vetta del Col dei Bos, la Tofana di Rozes

Dalla vetta del Col dei Bos, la Tofana di Rozes

Note. La via è bollata con vernice rossa molto sbiadita principalmente in prossimità di alcuni chiodi di passaggio e alle soste.
Lungo i tiri, nei passaggi più impegnativi o per smezzare la via, si trovano sempre uno, due o tre chiodi.
La possibilità di proteggersi con cordini, dadi o friend comunque non manca.
Evitare d’usare gli spit colorati d’azzurro che s’incontrano in un paio di punti, fanno parte di un’altra via.
Arrampicando la seconda lunghezza non andare a sinistra verso i cordini lasciati sotto a una grande fessura obliqua sulla parete di sinistra che forma un diedro, portano a una variante di V+.
Oltre alla NDA, utili cordini, dadi, friends e 4 rinvii.
Roccia buona ovunque, ma prestare attenzione ugualmente soprattutto nei passaggi più impegnativi. Noi abbiamo trovato qualche grossa presa non stabile e quindi da lasciar stare.
Fare attenzione ai sassi che possono volare giù nei punti più sporchi vista l’alta frequentazione della via.

Via di salita

Via di salita

Annunci

2 risposte a “Spigolo SE Piramide Col dei Bos – Spigolo Alpini

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

  2. Pingback: Altro giro sullo Spigolo Alpini | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...