Torre Quarta Alta – Cinque Torri

Finalmente il meteo sembra promettere bene e la voglia di arrampicare non manca. Con Michele si decide comunque d’andare in Cinque Torri e non provare nulla di lungo visto la probabilità di instabilità pomeridiana, ma di dedicarci a più viette giusto per passare una giornata senza grandi pensieri. L’idea è di fare la Quarta Alta, la Lusy e la Grande. Solo la prima non l’abbiamo fatta entrambe, mentre la Lusy manca al mio compagno e la Grande manca al sottoscritto. E’ intuibile quindi da quale partiremo…

Torre Grande dal rifugio Cinque Torri

Torre Grande dal rifugio Cinque Torri

Per arrivare alla base troviamo un po’ di neve ma nulla di che. La temperatura è ottima ma alcune nuvole qua e là già ci fanno temere una giornata più breve del previsto. Chiedo di farla da primo lasciando al compagno la prossima salita, così arrivati allo spigolo della Quarta Bassa che porta alla prima sosta sotto l’evidente nicchia ci leghiamo e cominciamo la salita.

Un po' di torri: Latina, di Mezzo, Quarta Alta, Quarta Bassa e Inglese

Un po’ di torri: Latina, di Mezzo, Quarta Alta, Quarta Bassa e Inglese

In realtà non stiamo seguendo la via normale di Dibona-Girardi ma una variante a spit che sale appena a sinistra dell’evidente spigolo Sud-Est. Questo tratto è sicuramente più impegnativo dell’originale ma non è certo di V- come dicono alcuni; secondo noi siamo su un bel IV di bella placca lavorata con un breve passo di IV+. Seguendo le luccicanti placchette mi lascio la nicchia e la sosta alla mia destra e salgo direttamente su un pilastrino. Abbandono la linea degli spit e mi sposto a sinistra sulla via originale. Le difficoltà diminuiscono notevolmente e dopo 25 metri mi porto verso l’alto senza pensare a proteggermi. Tiro fuori 50 metri di corda saltando una sosta e giungendo all’intaglio fra la torre Quarta Bassa e la Quarta Alta.

Dopo lo spigolo unisco il primo al secondo tiro mentre Michele mi assicura

Dopo lo spigolo unisco il primo al secondo tiro mentre Michele mi assicura

Vista della parete della Quarta Alta dall'intaglio

Vista della parete della Quarta Alta dall’intaglio

Recuperato Miki che è salito come un lampo mi abbasso fino a dove le torri si toccano e comincio a salire l’Alta. Qui la parete è inizialmente bella verticale con roccia stupenda, buchetti e fessure ovunque. Metto un friend e mi alzo fino al primo chiodo che sfrutto. Ancora su per placca saltando ora le protezioni che mi si parano davanti e aggiungendo un dado mal messo, ma poco importa. Alla sosta intermedia della parete non mi fermo e proseguo. Per un attimo le difficoltà scendono per poi ripresentarsi in un intaglio che forma un brevissimo e stretto camino dove un bel IV ben protetto mi aspetta. Salendo il rinvio che uso s’incastra incredibilmente all’imbrago mentre mi alzo e devo ridiscendere fra un sorriso sull’incredibile casualità e uno sbuffo sul dover rifare il movimento. Riparto e ecco la sosta.

Dalla cima della Quarta Alta, lì sotto il mio compagno m'assicura dall'intaglio stando sulla Quarta Bassa

Dalla cima della Quarta Alta, lì sotto il mio compagno m’assicura dall’intaglio stando sulla Quarta Bassa

Michele sale di nuovo veloce, mi raggiunge in sosta e sale sull’ampia cima della torre. Sopra i complimenti e la stretta di mano, poi la foto di rito e un attimo di tempo per ammirare il panorama che ci circonda. Nel frattempo comincia a cadere qualche goccia.

Dalla cima la Tofana di Rozes

Dalla cima la Tofana di Rozes

Autoscatto sulla cima

Autoscatto sulla cima

Ci caliamo lungo il versante Nord con una calata da 50 metri dove gli ultimi dieci sono nel vuoto. Divertente! Poi ritirate le corde e fatto un giro sotto la torre Latina ci dirigiamo verso la Lusy dove ora tocca a Miki. Arrivati alla base comincia la pioggia. Una pioggia ghiacciata di quelle che in breve bagnano le pareti e gli indumenti. Ci ripariamo nella nicchia del pinnacolo che vorremmo fare in attesa che smetta mentre il sole sembra prenderci in giro baciando la magnifica Tofana di Rozes. Stiamo lì mezzora ad aspettare che smetta…

Calata a corda doppia

Calata a corda doppia

Aspettando che smetta di piovere, la Tofana di Rozes illuminata dal sole

Aspettando che smetta di piovere, la Tofana di Rozes illuminata dal sole

La pioggia smette di cadere e invece di salire sulla Lusy ci spostiamo verso la cima Ovest della Grande per salire la via delle Guide sperando che il vento sia riuscito a spingere la pioggia solo da Nord a Sud. In effetti arrivati all’attacco la roccia non è così male e legati il mio compagno parte per i suoi tiri da primo.

Torre Grande vista da Nord

Torre Grande vista da Nord

Primi metri della via delle Guide alla cima Ovest della torre Grande

Primi metri della via delle Guide alla cima Ovest della torre Grande

Appena messe le mani in parete ecco tornare il brutto. Sale fino alla prima sosta e decide giustamente di calarsi. Al ritiro di corda però l’imprevisto: le corde bagnate non ne vogliono sapere di tornare a casa con noi. Così mi preparo e in auto-assicurazione risalgo, mentre Michele mi fa da contrappeso, e vado a sbloccare le colorate funi. Dopo questa, un po’ bagnati, decidiamo che è ora di rientrare e d’andare a bere una birra mentre una marmotta si ripara più saggiamente di noi sotto un tetto roccioso.

Marmotta

Marmotta

Alla fine sono un po’ amareggiato per aver fatto tutta questa strada per una via e per non aver lasciato al mio compagno nemmeno una lunghezza da primo (se non bagnata). Tutto sommato però sono contento di come ho arrampicato, non tanto per la tecnica che risulta sempre da cinghiale, quanto per la sicurezza ritrovata, la gioia del salire senza pensieri e senza paure. Alla fine un’altra via portata a casa nel cuore delle magnifiche Dolomiti.

Croda da Lago

Croda da Lago

RELAZIONE

Ripetitori: Andrea Favret e Michele Feltrin

Data: 07 giugno 2016

Zona: Dolomiti – Cinque Torri

Parete: Sud-Est / Est

Sviluppo: 95 metri

Dislivello: 80 metri

Torre Quarta Bassa

L’attacco da quale siamo partiti è posto sullo spigolo Sud-Est della torre Quarta Bassa. Sulle note sottostanti la descrizione dell’attacco originale.

La linea di salita seguita da noi

La linea di salita seguita da noi

Primo tiro. Salire stando appena a sinistra dello spigolo seguendo la linea di spit fino a sormontare un pilastrino appena accennato (IV con un passo di IV+, quattro spit), poi spostarsi di 8 metri verso sinistra fino a trovare un grosso anello cementato (III, un chiodo). 25 metri

Secondo tiro. Salire in verticale leggermente verso sinistra dove le difficoltà sono minori fino a un anello cementato (II+). 25 metri

Terzo tiro. Scendere fino a dove la torre Quarta Bassa tocca la torre Quarta Alta (II+, un anello). Da qui arrampicare la bella parete verticale fino alla comoda sosta su fittone (IV, tre chiodi). 25 metri

Quarto tiro. Salire fino al piccolo intaglio che forma un breve e stretto camino (II) e risalirlo (IV ben protetto da due chiodi). Poi più facilmente alla sosta (III). 20 metri

Per la discesa bisogna portarsi fino al versante Nord della torre. Da qui entrare in un breve camino e scendere di un paio di metri (elementare) fino a trovare degli anelli di catena da dove si effettua una calata in corda doppia da 50 metri.

Note. Per la salita bastano 6 rinvii, qualche cordino e il materiale per attrezzare le soste ed effettuare la calata. Nel caso di voler integrare lungo la seconda metà di salita sono utili friend medi. Si possono inoltre unire il primo al secondo tiro e il terzo con il quarto. Volendo percorrere la via originale l’attacco si trova una ventina di metri a destra dello spigolo, sulla parete Nord-Est, e si nota per la presenza di un anello cementato. Da lì con divertente arrampicata in obliquo si arriva alla sosta sotto la nicchia dello spigolo con difficoltà sul III grado con passo finale di III+. Proseguendo ci si sposta sopra il pilastrino indicato nella prima lunghezza da noi effettuata (III+) e si continua come indicato.

Annunci

2 risposte a “Torre Quarta Alta – Cinque Torri

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

  2. Pingback: Fredda giornata d’agosto in Cinque Torri | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...