La remunerativa Palazza

Quando non si può arrampicare per il tempo pazzerello, allora qualche cosa comunque si fa pur d’andare in montagna. Questo è un pensiero comune che ho con Nicola e quindi pur in un periodo non proprio felice non solo meteorologicamente parlando decidiamo per un’escursione sulla Palazza, una delle cime che fa da confine naturale fra Friuli e Veneto, fra la val del Piave e la val Zemola.

Monte Palazza

Monte Palazza

Partiamo da casera Mela e l’itinerario che seguiamo è quello classico che si snoda fra la piacevole ma lunga strada bianca intramezzata da un breve sentiero che ci porta fino alla casera Cava Buscada mentre il bel Duranno si fa intravedere spesso fra gli alberi a Nord e la possente parete del Col Nudo sale se si volge lo sguardo dalla parte opposta.

Col Nudo

Col Nudo

Duranno

Duranno

La galleria che porta alla cava

La galleria che porta alla cava

Nella galleria

Nella galleria

Verso casera Cava Buscada

Verso casera Cava Buscada

Arrivati alla bella struttura, posta in un punto panoramico d’eccezione ma sfortunatamente ancora chiusa, ci concediamo una breve pausa prima di riprendere il cammino e salire alla vecchia cava di marmo. In pochi metri la raggiungiamo e il dottore non manca d’acrobazie boulderose su qualche blocco tagliato.

Il cartello nei pressi della cava

Il cartello nei pressi della cava

Casera Cava Buscada

Casera Cava Buscada

Nicola verso la cava

Nicola verso la cava

Uno dei vecchi carrelli

Uno dei vecchi carrelli

Boulder?

Boulder?

Nel mentre mi perdo fra vecchi carrelli, rotaie, colori del marmo incredibili e un’ammonite (fossile marino molto presente dal periodo devoniano a quello cretaceo) grossa quanto una testa d’uomo!

Nel cuore della cava

Nel cuore della cava

Blocchi di marmo

Blocchi di marmo

Fossile

Fossile

Incredibile colore del marmo

Incredibile colore del marmo

Passata la cava seguiamo le informazioni di un cartello che indicano la nostra meta odierna e così saliamo fino alla cresta per verdi e qualche foglio roccioso caro a queste montagne. Da lì sopra le pareti che cadono verso Ovest sono verticali e non riusciamo a scorgere la loro base. Sotto il Piave scorre con le sue curve mentre le strade lo intersecano più volte. Peccato solo le nuvole che ora si fanno più fitte e che non offrono alcuna vista verso le Dolomiti.

Le classiche formazioni rocciose della zona

Le classiche formazioni rocciose della zona

Sulla dorsale verso la Palazza

Sulla dorsale verso la Palazza

Dolomiti coperte dalle nuvole

Dolomiti coperte dalle nuvole

Incredibili formazioni rocciose a forma di fogli

Incredibili formazioni rocciose a forma di fogli

Passiamo la cima del Buscada e un paio di stambecchi ci guardano con noia nel nostro proseguire. Una firma al libro di vetta e via. Dopo poco eccoci sulla Palazza a quota 2210 metri slm. Ci riposiamo qualche minuto, o meglio, mi riposo qualche minuto mentre Nicola si fa un giro lungo la breve cresta per andare a vedere l’uscita delle vie spittate che avevamo visto poco sotto (ah, la dura vita del climber!).

Cima Buscada

Cima Buscada

Stambecco

Stambecco

Nicola sulla cima della Palazza

Nicola sulla vetta della Palazza

Il dottore fa il girovago lungo la cresta della Palazza

Il dottore fa il girovago lungo la cresta della Palazza

Autoscatto sulla cima della Palazza

Autoscatto sulla cima della Palazza

Ritornati sui nostri passi ci riabbassiamo lungo il percorso appena fatto fin dove a una forcella si torna al vecchio luogo di duri scavi. L’amico mi dice che qui ci sarebbe un bel landre da vedere e così iniziamo la ricerca. Sbagliamo scendendo un pendio ma rimaniamo estasiati dalla, come l’ha definita Nicola, “enorme e spaventosa, lontana da tutto e pure dietro l’angolo” parete Nord del monte Borgà.

Monte Zita

Monte Zita

Anemoni a fiore di Narciso

Anemoni a fiore di Narciso

Monte Borgà

Monte Borgà

Ancora sulla cresta

Ancora sulla cresta

Alla ricerca del Landre del Ledan

Alla ricerca del Landre del Ledan

L'incredibile parete "nascosta" del Borgà

L’incredibile parete “nascosta” del Borgà

Risaliti nuovamente lungo la dorsale ci dirigiamo proprio verso quella parete, che naturalmente non toccheremo, e per flebile traccia raggiungiamo un’altra forcella ove perveniamo un sentiero che scende ben marcato nel Valon de Buscada. Lo seguiamo e proprio dietro uno spigolo ecco il famoso Landre del Ledan.

In direzione di forcella Borgà

In direzione di forcella Borgà

Verso il Landre del Ledan

Verso il Landre del Ledan

Landre del Ledan

Landre del Ledan

Questa grotta naturale è veramente bella e in un posto ancora selvaggio benché la frequentazione non sia così bassa. Qualche foto e poi guardati a vista da un altro stambecco risaliamo alla forcella per poi scendere diretti e fuori traccia alla cava dove ci concediamo un’altra breve pausa e dove diamo fondo alle poche cose da mangiare che abbiamo e alla grappa che mi sono portato dietro.

Landre del Ledan

Landre del Ledan

Landre del Ledan

Landre del Ledan

Stambecco

Stambecco

Marmotte

Marmotte

Verso la cava

Verso la cava

Torniamo da qui verso valle per la strada fatta in precedenza fino a metà tracciato; ad un tornante verso sinistra ora seguiamo una traccia nel bosco. Mi concedo un bel scivolone senza conseguenze e risbuchiamo sulla strada. Poi più avanti un altro taglio nel vallone verde che cade quasi alla casera di Conte e infine in breve all’auto.

Il pendio sotto la cava

Il pendio sotto la cava

Rientro lungo la strada bianca, segnata in questo tratto anche come sentiero CAI 381

Rientro lungo la strada bianca, segnata in questo tratto anche come sentiero CAI 381

Tagliando lungo una traccia nel bosco

Tagliando lungo una traccia nel bosco

Fuori traccia nell'ultima parte del pendio

Fuori traccia nell’ultima parte del pendio

Giro fantastico, lungo, relativamente semplice ma altamente remunerativo. Una giornata così serviva a tutti e due!

Mappa dell'escursione

Mappa dell’escursione

Annunci

Una risposta a “La remunerativa Palazza

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...