Valli di Comacchio

Non solo montagna! Questa volta il giro è quasi in riva al mare, in un posto veramente suggestivo: le valli di Comacchio. Un giro ad anello di circa 16 chilometri che si snoda lungo il bacino (qualcuno direbbe il mare) su cui si affaccia il piccolo e bel paesino conosciuto per l’anguilla, ma che nasconde meraviglie naturalistiche, storiche e culturali di rilievo.

Ponte dei Sisti

Ponte dei Sisti

Con Valentina partiamo la mattina dal centro del paese superando l’antico ponte dei Sisti ci dirigiamo fuori dal centro abitato. Passata una chiusa e attraversato il cavalcavia che collega le sponde del canale navigabile Migliarino – Porto Garibaldi, eccoci sul terrapieno che divede le acque dell’Adriatico dalle terre a lui rubate.

Verso il mare

Verso il mare

Fuori da Comacchio

Fuori da Comacchio

Lungo l’argine le case di pesca si susseguono continuamente. Il sole rende la camminata gradevole anche se il freddo c’è e si vede! L’acqua in alcuni punti è gelata e attorno a dei pali marci ha formato dei cerchi incredibili. Molto suggestivo.

Casa di pesca

Casa di pesca

Lungo l'argine

Lungo l’argine

Magnifici panorami

Magnifici panorami

Assieme a Valentina, contenti al sole

Assieme a Valentina, contenti al sole

Magie del freddo

Magie del freddo

Pronti per l'anguilla?

Pronti per l’anguilla?

Dopo quasi cinque chilometri arriviamo al Bettolino la Foce, in questo periodo chiuso, e dopo aver passato il casone di guardia, dove venivano controllate le barche per cercare di limitare la pesca di frodo, continuaiamo la camminata lungo un argine che delimita acqua “più alta” e acqua “più bassa”: siamo letteralmente in mezzo al mare, qui controllato dai canali.

Nei pressi de La Foce

Nei pressi de La Foce

Il ponte a La Foce

Il ponte a La Foce

Parco Naturale

Parco Naturale

Fra terra e mare

Fra terra e mare

Casone di guardia

Casone di guardia

La guardiana

La guardiana

Sul terrapieno che divide il mare fra il bacino e il canale

Sul terrapieno che divide il mare fra il bacino e il canale

Raggiunta la Torre Rossa, ex forte usato per la difesa del mare nel XVII secolo e poi successivamente per il controllo del contrabbando, siamo proprio di fronte le saline. In questo periodo freddo non sono attive, quindi riusciamo a vedere solo le divisioni di queste più alte visto che sono piene d’acqua.

Saline

Saline

Saline

Saline

Torre Rossa

Torre Rossa

La zona è molto famosa per il bird-watching

La zona è molto famosa per il bird-watching

Saline

Saline

Tornati sull’argine principale per il giro, piccola deviazione in una zona paludosa e poi via ancora dritti fino alle chiuse e alle case di pesca del canale Logonovo. Un’altana c’invita a salire per osservare dall’alto le opere idrauliche.

Torre Rossa

Torre Rossa

Ponti fra isolotti

Ponti fra isolotti

Zona palustre

Zona palustre

Strani personaggi

Strani personaggi

Sopra le chiuse, l'altana

Sopra le chiuse, l’altana

Meraviglioso panorama

Meraviglioso panorama

Canale

Canale

...

Continuando lungo il canale arriviamo al ponte della SS Romea. Senza proseguire oltre decidiamo di passare su di esso, ponendo attenzione alle auto che qui sfrecciano veloci. Poi ci riportiamo sulla pedonale/ciclabile che corre a fianco della strada sull’argine del bacino che fin qui abbiamo costeggiato. Peccato solo che un muretto annulli i panorami.

Qui si pesca

Qui si pesca

New art

New art

A memoria delle truppe inglesi che qui combatterono a fianco dei partigiani

A memoria delle truppe inglesi che qui combatterono a fianco dei partigiani

Un bel topone, alias nutria

Un bel topone, alias nutria

Tornati a Comacchio entriamo come si usava in tempi passati, ovvero attraverso il Ponte Pallotta (o Trepponti), antica porta d’entrata sia per le genti che per le barche. Un vero gioiello architettonico. Due gradinate che salgono dall’esterno e tre dall’interno del paese; un canale in entrata e due all’interno, e nascosta sotto la biforcazione delle acque.

Trepponti

Trepponti

Trepponti

Trepponti

Da Trepponti

Da Trepponti

I tetti di Comacchio

I tetti di Comacchio

Da qui la ricerca di un posto dove riempire la pancia, dove poi mangeremo un superbo risotto di branzino appena pescata (il locale è il ristorante DiVino, nei pressi del Duomo). Dopo pranzo, un giro in centro per vedere le bellezze del borgo e per concludere al meglio la giornata prima di rientrare a casa.

Buonissima focaccia, da provare!

Buonissima focaccia, da provare!

Campanile del Duomo

Campanile del Duomo

Palazzo del Grano

Palazzo del Grano

Canali di Comacchio

Canali di Comacchio

Torre dell'orologio

Torre dell’orologio

Un bellissimo giro con scorci fantastici. Forse il periodo migliore non è gennaio ma aprile o maggio, ma anche così, girando senza incontrare praticamente nessuno, è veramente piacevole scoprire queste zone.

Vuoi la traccia GPS di questa escursione? Mandami una mail all’indirizzo ritornoao@gmail.com

Advertisements

2 risposte a “Valli di Comacchio

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...