Escursione a cava Buscada

Questa si, lo posso dire, è proprio una bella escursione! Era da un pezzo che volevo portare la mia compagna fino a cava Buscada e finalmente, domenica 14 maggio, eccoci assieme (anche con Zoe) al parcheggio poco oltre casera Mela pronti con gli zaini a metterci in movimento. Anche questa volta siamo in montagna benché le previsioni meteo siano pessime, ma invece un bel sole riscalda l’aria e poche son le nuvole che chiazzano di bianco l’azzurro del cielo.

Si parte!

Camminiamo lungo la strada bianca lasciandoci alle spalle l’imponente Col Nudo mentre sulla sinistra le pareti che cadono sulle Cumogne sembrano formare delle grandi mura di qualche fortezza inespugnabile. Senza nemmeno accorgerci ci ritroviamo a casera Ferrera, posizionata in un punto meraviglioso.

Muraglia naturale

Col Nudo

Il Duranno visto da casera Ferrera

Lasciamo la strada per il sentierino che sale comodamente fra i faggi per poi ritrovarci nuovamente su un’altra strada bianca che ci porterà fino alla cava. Il passo è continuo e senza soste, solo una breve pausa quando a un tornante che sfiora la valle del Ge de Bedin si apre un magnifico panorama verso il Duranno.

Salendo il sentiero dietro casera Ferrera

Tra i faggi

Zoe sulla strada per Cava Buscada

Duranno

Passato il tunnel scavato nella roccia siamo in prossimità della cava ma prima decidiamo d’andare a vedere se la casera/rifugio poco più sotto è aperta. Raggiunta salutiamo i gestori e avvisiamo della nostra presenza per pranzo e poi, con loro consiglio, raggiungiamo il vecchio punto d’estrazione passando per un tracciato dietro alla struttura.

Dalla galleria

Borgà

Biacco

Biacco (o bis carbon/acrbonat)

Orecchie d’orso

Marmotta

Fontana nei pressi del rifugio

Farferugine

Dal rifugio verso la cava

In pochissimo eccoci alla cava mentre i fischi delle marmotte sono quasi continui. Ne vediamo e ne fotografiamo diverse. Facciamo il giro della Buscada, fra arrugginiti carrelli, grossi blocchi abbandonati, ferro, travi e ammoniti! Una scoperta a ogni passo, il tutto contornato dalla meravigliosa val Zemola.

Marmotta

Vecchio carrello della cava e, dietro, il Duranno

Blocchi di marmo

Ammonite

Valentina vicina a una grande ammonite

Autoscatto alla cava

Tagli

Taglio

Resti

Ammoniti

Resti del duro lavoro in cava

Un carrello che serviva al trasporto dei blocchi

Ancora una marmotta!

Scendiamo per la strada e con tutta calma torniamo al rifugio. Qui i gestori ci accolgono in maniera eccezionale! Gentilezza e cortesia sembrano le loro parole d’ordine. Ci invitano ad un giro all’interno della bella struttura e poi ci sediamo per pranzare. Che dire: oltre al buon vino rosso anche il cervo, il frico e il pastin sono fatti veramente a regola d’arte. Magari tutti i luoghi gestiti fossero così, soprattutto in questa zona dove in molti la parola “accoglienza” non sanno nemmeno cosa sia. Non posso che complimentarmi e sperare di tornare al più presto.

Rifugio Cava Buscada

Panorama dal rifugio

Le nuvole cominciano a fare capolino dalle varie cime che ci sono attorno. Io non ho molta voglia di prendere pioggia e Valentina nemmeno. E’ ora di scendere. Ci congediamo e riprendiamo la strada bianca fin quando sulla sinistra, nei pressi della girella e della fontana, scende il vecchio sentiero e dove una volta c’erano lì a fianco le rotaie che servivano a far scorrere i carrelli (caricati naturalmente con massi) fino a valle. Il tratturo scende ripido ma senza grosse difficoltà. Da fare in salita sarebbe una bella sfacchinata.

Girello

Il ripido sentiero di rientro

Qualcun altro ha fame

Resti delle rotaie

Topolino

Topolino

Arrivati alla strada bianca prendiamo la direzione per casera Mela e in meno di mezzora eccoci all’auto, felici per l’escursione, felici per quello che la natura c’ha regalato, felici per il pranzo e felici per essere stati una giornata assieme.

Casera Mela

Vuoi la traccia GPS di questa escursione? Mandami una mail all’indirizzo ritornoao@gmail.com

Annunci

Una risposta a “Escursione a cava Buscada

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...