La Palazza (secondo di due giorni magnifici)

Secondo giorno

Una notte burrascosa, fra saette cadute a pochissima distanza, forte vento e grandine, ma il sonno non è venuto meno. Ci svegliamo prestino mentre il sole prova a salire sopra le nubi che ancora coprono le cime che s’allungano a destra e a sinistra del Duranno.

Alba

Dentro al rifugio, modellino di “slitta” per il trasporto dei marmi a valle

Dopo un’abbondante colazione si decide, visto il grande dislivello macinato il giorno precedente, per salire a La Palazza. Ripassiamo per la cava mentre qualche assonnata marmotta sembra quasi non far caso a noi. Una tabella ci indica sul dove andare e poi bolli e ometti ci indicano la strada.

La fontana nei pressi del rifugio

Ammoniti

Marmotta

Salendo a La Palazza

Borgà

Riusciamo a dare uno sguardo al Bosconero e alla Rocchetta Alta, ma per il resto le nuvole avvolgono le cime dolomitiche. Anche oggi vari camosci che corrono sui pendii sottostanti, veloci e sicuri nel loro ambiente più congeniale.

Bosconero

Resti della tempesta notturna

Camoscio

Camoscio

Arrivati alla zona dei mughi il sentiero passa dove questi sono stati tagliati, mentre il carsismo ha creato nei millenni delle forme e delle buche incredibili. Impressionante anche il larice secolare che forma un arco dove bisogna passarci sotto. La natura ci meraviglia di continuo!

Larice secolare

Carsismo

Usciti dai mughi entriamo nelle nuvole. Con calma e prendendoci comunque il nostro tempo arriviamo sotto le pareti della cima odierna. Le aggiriamo sulla  sinistra dove un ripido pendio verde con un’esile traccia (altro piccolo ometto rimesso a posto) e un’ultima rampa ghiaiosa ci conducono sulla cima. Un autoscatto e nulla di più, nuovamente come sul Borgà i panorami sono azzerati.

Scorci

Cala la nebbia anche oggi

Sotto le pareti de La Palazza

La Palazza

Autoscatto sulla cima

Scendiamo da dove siamo venuti e ci concediamo una piccola deviazione solo per salire sulla prominenza del Buscada, dove dentro a un vecchio barattolo mezzo aperto il “libro” di vetta sta prendendo troppa umidità. Lascio in un bigliettino i nostri nomi e chiudo bene il tappo, poi riprendiamo la discesa.

Cima Buscada

Scendendo, La Palazza si fa vedere

Nuovamente alla cava torniamo alla ricerca dei soliti fossili e come sempre si fanno nuove scoperte. Valentina mi indica una vipera che sfortunatamente non riesco a fotografare. Peccato perché era veramente un bellissimo esemplare. Poi un passaggio al rifugio per prendere lo zaino lasciato e per salutare i gentilissimi gestori Roberta e Giampiero: ci siamo trovati veramente bene, dormendo di gusto e mangiando ottimamente e abbondantemente. Sicuramente consigliatissimo per quanto ci riguarda, anche per una gita domenicale.

Genzianelle

Scorci verso il Piave

Ammonite

Ammonite

Cava Buscada

Il rientro lo facciamo lungo la strada forestale, senza correre, respirando l’aria del bosco fino gli ultimi metri. Felici.

Duranno

Si scende

Quasi all’auto

Due giorni magnifici, scoprendo finalmente i famosi Libri di San Daniele ed il Borgà, vivendo in maniera intensa la montagna e soggiornando in uno dei rifugi meglio gestiti di sempre. Valentina e io, il massimo.

Torna al primo giorno

Annunci

Una risposta a “La Palazza (secondo di due giorni magnifici)

  1. Pingback: I Libri di San Daniele (primo di due giorni magnifici) | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...