Escursione al monte Cornetto

Che dire di questo giro? Scelto per rinuncia. Infatti si doveva andare in Tre Cime di Lavaredo ma a causa di un problema meccanico dell’auto, giunti a Ospitale di Cadore, Marco e io siamo dovuti rientrare a casa. Dispiacere per Fulvio che era già a Lozzo che ci aspettava. Dopo la delusione e l’aver lasciato la macchina dal meccanico di fiducia dell’amico e non aver visto il Titty, ci ritroviamo alle 10 del mattino con un’alzataccia alla spalle e la voglia di non voler buttar via tutta la giornata. Così alla solita domanda “dove andiamo?” optiamo di non puntare a una falesia, ma di lasciare a casa corde e materiale, e dirigerci nelle Dolomiti Friulane per un’escursione. La scelta ricade sul Cornetto, cima che volevamo salire ancora tempo addietro ma che avevamo sempre rimandato perché considerata salita da fare come riserva. Eccoci…

Dalla piazzola dove lasciamo l’auto

Lasciamo l’auto su uno spiazzo lungo la provinciale che dal passo S. Osvaldo porta a Erto, nei pressi del ponte che sovrasta il torrente Vajont. A piedi lo attraversiamo e poco oltre ecco una scritta in vernice rossa che ci indica di salire le scale in cemento. Poco sopra un grande capitello e poi il bivio per casera Feron. Noi deviamo a sinistra.

Inizio della salita

Capitello

L’iniziale bivio

Il sentiero sale ripido, sempre ripido. Uno dei sentieri CAI più faticosi che non sia su ghiaie. Quasi sempre nel bosco con qualche scorcio nella parte bassa, si sale faticosamente ma oggi non ci fermiamo praticamente mai. Giusto un paio di foto a qualche fungo e siamo in poco più di un’ora con una gran tirata presso la casera posta in un’ampia zona prativa.

Val Vajont

Cornetto

Salendo nel ripido bosco

Funghi

Abete e larice

Funghi

Arrivo a casera Cornetto

Non ci fermiamo nemmeno lì e svoltiamo a destra seguendo il sentiero. Ancora qualche albero e poi ancora verdi. Magnifico il luogo. Silenzio e pace incredibili. Ci avviciniamo a una fontana, di recente costruzione, dalla quale zampilla un’acqua freschissima. Una targa ricorda una frase di Pasolini. Ci fermiamo per bere qualche istante. Da qui, senza traccia ma individuando un paio di bolli puntiamo alla cima sulla quale ci troviamo dopo qualche minuto.

Pian Grant

Fontana

La targa della fontana

Verso la cima

In vetta, uno squarcio fra le nuvole verso Erto

Scendiamo per la via di salita e decidiamo d’andare alla casera per una pausa. Arrivati entriamo un attimo nella struttura, tenuta bene e accogliente. Però vista la temperatura e il sole, ci accomodiamo nelle panche esterne dove consumiamo il nostro pranzo a base di panini con la mortadella. Un po’ di riposo, un paio di foto e siamo pronti a tornare all’auto.

Nuovamente alla casera

La croce alla casera

casera cornetto

02 ottobre 2017, autoscatto a casera Cornetto

Vecchia targa sul muro della ex stalla

Discesa sempre per il sentiero CAI 903, veloci anche se involontariamente, arriviamo in meno di un’ora al veicolo. Alla fine non saranno state le Tre Cime, non avremo arrampicato, ma almeno abbiamo salvato in parte la giornata su una bella cima spesso trascurata a causa dei rilievi vicini più famosi.

Sguardo sulla valle

Ripida e veloce discesa

monte cornetto

Monte Cornetto

Una risposta a “Escursione al monte Cornetto

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...