Chiesetta di San Dionisio

25 marzo 2018, Valle di Cadore (BL)

Sono con la mia compagna Valentina e la nostra Zoe in questa giornata un po’ velata dove la foschia la fa da padrona, destinazione il rifugio Costapiana. Arriviamo con l’auto fino al primo tornate della strada che porta alla struttura e lì la lasciamo in un piccolo spiazzo che sembra fatto apposta in località Troi della Viza. C’è pure una fontana con dell’acqua freschissima e io ne approfitto immediatamente.

Punto di partenza

Saliamo lungo la strada asfaltata che dolcemente nel bosco fa prendere quota. Come accennato i panorami sono smorzati ma comunque si riescono a vedere fra gli alti abeti il bel Pelmo e il gruppo del Bosconero. Man mano che maciniamo dislivello anche la neve fa capolino, prima a tratti e poi nell’ultimo mezzo chilometro costantemente.

Inizio della strada che porta al rifugio Costapiana

Panorama verso passo Cibiana

Crocefisso

Pelmo

La strada si fa innevata

Di colpo ecco il rifugio posto proprio su un tratto piano della costa che scende in direzione di Venas di Cadore, un terrazzo naturale che offre una vista mozzafiato. Non possiamo non concederci un autoscatto tutti e tre assieme.

Rifugio Costapiana

Autoscatto

Rifugio Costapiana

Rifugio Costapiana

E’ presto e decidiamo di proseguire lungo il sentiero CAI 251 senza una meta ben precisa, anche se sappiamo che più in là c’è la chiesetta di San Dionisio. Senza darci troppa considerazione ma guardando di più all’orologio (perché devo scendere per andare a lavoro) continuiamo quindi in mezzo alla neve lungo una carrareccia che serpeggia nel bel bosco mentre il sole si fa spazio fra le velature mattutine.

Crocefisso dietro al rifugio

Sentiero CAI 251

Baita privata con magnifici affreschi esterni

Valentina fra la neve

Cammina che ti cammina, ecco sbucare sopra di noi la piccola chiesa. Dobbiamo fare molta attenzione per qualche metro dopo i cartelli del bivio che incontriamo perché c’è stato un solo passaggio, e non recente, fra i 40 centimetri di neve dove il pendio è bello ripido. Batto traccia e Valentina segue. Zoe invece non ha alcun problema grazie alla trazione 4 x 4.

Ultimo tratto che porta alla chiesetta

Retro della chiesetta

La chiesetta è veramente bella ed il panorama a 360° è spettacolare. L’Antelao si mostra possente fra le nuvole mentre dalla parte opposta un’infinità di torri e guglie creano le spettacolari Dolomiti d’oltre Piave. Come bambini suoniamo la campana ma è ora di rientrare.

Verso le Dolomiti d’oltre Piave

Chiesetta di San Dionisio

Chiesetta di San Dionisio

Antelao

Antelao

Iscrizione sopra la porta

La vecchia porta

Percorriamo a ritroso la via dell’andata mentre il meteo migliora man mano che passa il tempo. Tornati velocemente al rifugio entriamo e mangiamo. Il posto è molto bello e curato, i piatti ottimi ed i prezzi giusti. Infine nuovamente la strada asfaltata che però non pesa come le altre volte, anzi…

Bollo bianco/rosso del CAI

Rifugio Costapiana e Pelmo

Scultura dentro al rifugio

L’Antelao dalla terrazza del rifugio

Rientro all’auto

Bellissima giornata con il mio amore e la nostra “canina”. Posti decisamente belli e dai panorami superbi, in più con un bel rifugio e una succulenta mangiata.

Pubblicità

2 risposte a “Chiesetta di San Dionisio

  1. Pingback: Lista trekking, escursioni e passeggiate | RITORNO ALLE ORIGINI·

  2. Pingback: Escursione al rifugio Antelao dal rifugio Costapiana | RITORNO ALLE ORIGINI·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...